Unioncamere Lombardia

ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2016
2 trimestre 2015

Analisi congiunturale industria
Dati positivi e in moderata accelerazione nel secondo trimestre del 2015. La produzione industriale lombarda cresce dello 0,7% rispetto al trimestre precedente e dell’1,9% tendenziale. Gli ordini dall’estero crescono dell’1,4% congiunturale e del 4,1% tendenziale. Unico segnale negativo dagli ordini interni rispetto al trimestre precedente (-0,2%), mentre sono in crescita su base tendenziale (+1,5%). Conferme positive provengono anche dal fatturato in crescita del 4,0% tendenziale e dell’1,2% congiunturale. In miglioramento le aspettative degli imprenditori per la produzione, la domanda estera e l’occupazione che finalmente registra un saldo positivo dopo quattro anni. Ancora negative le aspettative sulla domanda interna, ma in continuo miglioramento. Sono stazionari i livelli occupazionali e si riduce il ricorso alla CIG.

Allegato statistico industria [pdf 492KB]

Analisi congiunturale artigianato
Dopo il dato stazionario dei primi tre mesi del 2015, nel secondo trimestre la produzione artigiana manifatturiera lombarda registra un incremento dello 0,8% rispetto al trimestre precedente e dell’1,6% rispetto a un anno prima. Il quadro congiunturale positivo è confermato dall'incremento del tasso di utilizzo degli impianti, che si avvicina al 70% (69,1%), e dalla crescita del fatturato (+1,4%). Gli ordini interni risultano ancora inferiori ai livelli di un anno fa (-1,8%), mentre accelerano quelli dall’estero (+5,3%). Il trend positivo che ha caratterizzato le previsioni degli imprenditori artigiani nelle ultime rilevazioni subisce un rallentamento. In particolare risultano stabili le aspettative su domanda estera, domanda interna e occupazione, mentre calano quelle sulla produzione.

Allegato statistico artigianato [pdf 433KB]

Analisi congiunturale commercio e servizi
Il secondo trimestre evidenzia il rafforzamento dei segnali positivi emersi tra fine 2014 e inizio 2015: per i servizi l’aumento di fatturato registrato (+1,5%) arriva dopo un periodo di crescita molto debole e rappresenta l’incremento più rilevante dal 2007, mentre per il commercio al dettaglio il significativo incremento (+1,6%) conferma la lieve crescita del primo trimestre e certifica l’uscita del comparto da una successione di variazioni negative durata sette anni.

Analisi congiunturale agricoltura
Nel secondo trimestre dell’anno si confermano le criticità per l’agricoltura lombarda, la cui situazione congiunturale è in via di deterioramento a partire dalla seconda metà del 2014: i principali indicatori rimangono tutti negativi, evidenziando in alcuni casi un ulteriore peggioramento rispetto allo scorso trimestre. Segnali preoccupanti giungono sul fronte dei costi produttivi, dove dopo alcuni trimestri di distensione si registrano nuove tendenze al rialzo, che si accompagnano alla persistente debolezza delle quotazioni dei principali prodotti agricoli, soprattutto zootecnici (-9% su base annua secondo l’indice Ismea).