Unioncamere Lombardia

ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2016
2 trimestre 2014

Analisi congiunturale industria
L’andamento congiunturale del secondo trimestre 2014 denota una situazione di stallo, con una variazione quasi nulla della produzione industriale rispetto al trimestre precedente (+0,1%). Rimane in crescita il fatturato, ma gli ordini interni svoltano nuovamente in negativo lasciando ancora al solo export il compito di sostenere la produzione. Si arresta la contrazione dei livelli occupazionali, con un saldo ingressi-uscite positivo dovuto a un rallentamento delle uscite, ma con una lieve ripresa del ricorso alla CIG.
Le aspettative degli imprenditori peggiorano per tutte le variabili, con saldi ancora positivi ma in diminuzione per produzione e domanda estera, e più negativi per domanda interna e occupazione.

Allegato statistico industria [pdf 425 KB]

Analisi congiunturale artigianato
Nel secondo trimestre del 2014 il comparto manifatturiero dell’artigianato lombardo registra un livello produttivo superiore a quello di un anno fa (+0,4%), ma la variazione rispetto al trimestre precedente registra una svolta negativa (-0,4%). Tra gli indicatori che segnalano una maggiore fragilità della situazione congiunturale ci sono anche gli ordini, con quelli esteri stabili (+0,1%), dopo una lunga fase di crescita, e gli ordinativi interni in peggioramento (-1,7%).
Le aspettative degli imprenditori artigiani sono positive e in miglioramento per la domanda estera, mantengono un saldo negativo ma in miglioramento per occupazione e domanda interna mentre, per la produzione, segnalano un peggioramento del clima di fiducia degli operatori.

Allegato statistico artigianato [pdf 421 KB]

Analisi congiunturale commercio e servizi
Rimane positiva la variazione su base annua del fatturato delle imprese dei servizi, confermando la svolta positiva dello scorso trimestre dopo due anni e mezzo di pesanti flessioni; tuttavia l’entità della crescita risulta dimezzata, evidenziando un rallentamento del processo di ripresa. Nel commercio al dettaglio si registra l'ennesima flessione del fatturato (-1,8%), allontanando le possibilità di uscita da una crisi che colpisce il comparto senza interruzioni ormai dal 2008.

Analisi congiunturale agricoltura
In un quadro complessivo che rimane critico per l’agricoltura regionale si confermano alcuni segnali positivi già emersi nel primo trimestre, legati soprattutto alla tenuta dei prezzi di alcuni prodotti importanti e all’ottimo andamento delle esportazioni, che si riflettono in una tendenza al rialzo dei fatturati. Rimane però negativa la redditività aziendale, a causa dell'elevato livello dei costi e della persistente debolezza dei consumi. Positivo il ruolo svolto dal settore del latte, che registra nel trimestre un aumento di prezzi e quantità, ma le aspettative a breve termine non sono incoraggianti.