Unioncamere Lombardia

ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2012
1° trimestre 2012

Analisi congiunturale Industria
I dati del primo trimestre mostrano una contrazione dei livelli produttivi (-0,7% sul trimestre precedente e -2,8% su base annua) che porta l’indice della produzione industriale a quota 97,8. Una parte della produzione ha alimentato le scorte di prodotti finiti, giudicate esuberanti dagli imprenditori, dopo un 2011 caratterizzato dalla prevalenza di giudizi di scarsità. Segnali di preoccupazione per i prossimi mesi provengono ancora dall’andamento degli ordinativi interni (-2,0% la variazione congiunturale e -7,3% quella su base annua), mentre l’estero registra una variazione congiunturale positiva (+0,8%). Le aspettative degli imprenditori risentono del generale clima di incertezza posizionandosi in area negativa.
 

Allegato statistico Industria [pdf 481kb]

 

Analisi congiunturale Artigianato
Nel settore artigiano accelera bruscamente la recessione già evidenziata nella seconda metà del 2011: il primo trimestre del 2012 registra un calo della produzione pari al 6,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la maggiore contrazione verificatasi negli ultimi due anni. In discesa anche il tasso di utilizzo degli impianti (67,0%).
Rispetto al primo trimestre del 2011, la dinamica degli ordini vede ampliarsi la forbice tra quelli interni e quelli provenienti dall’estero, con la forte riduzione dei primi (-8,0%) e la crescita dei secondi (+3,1%), sebbene il peso del fatturato estero sul totale rimanga esiguo (6,2%).

Allegato statistico Artigianato [pdf 412kb

Analisi congiunturale Agricoltura
Il primo trimestre conferma il rallentamento della crescita già manifestato nel trimestre precedente. I principali indicatori, pur restando positivi nel confronto con l'anno precedente, risultano in calo rispetto al quarto trimestre 2011. Le cause di questa battuta d’arresto sono da ricondurre alle avverse condizioni climatiche, alla debolezza della domanda interna e all’aumento dei costi di produzione, quest’ultimo legato soprattutto al rincaro degli energetici e dei prodotti collegati (concimi, fitosanitari).

Analisi congiunturale del Mercato del Lavoro
La nuova recessione coglie il mercato del lavoro lombardo in una situazione difficile, con l’occupazione ferma sui livelli particolarmente bassi raggiunti a fine 2010 e un tasso di disoccupazione ai massimi livelli degli ultimi vent’anni (6,9% al quarto trimestre 2011), seppur sempre molto inferiore al dato italiano (9,6%). Torna ad aumentare il ricorso alla cassa integrazione (+2% rispetto al primo trimestre 2011), soprattutto ordinaria e in deroga, e le iscrizioni alle liste di mobilità fanno registrare un’impennata (+32%). Non essendoci attese di recupero a breve, le imprese appaiono sfiduciate e dichiarano aspettative negative per i futuri livelli occupazionali.

  • Analisi congiunturale trimestrale - maggio 2012 [pdf641kb]
  • Nota metodologica [pdf64kb]